Come friggere senza olio

La frittura è una delle tipologie di preparazione senza dubbio più apprezzate ed amate in virtù del sapore particolare e gustoso.
Tuttavia i cibi fritti presentano naturalmente, anche dei lati profondamente negativi correlati con quelle che sono le calorie e i grassi che comportano, fattori che spesso spingono a non consumare questo tipo di alimenti al fine di condurre un regime di alimentazione più sano ed equilibrato.
In commercio però esistono dei modi che permettono di friggere senza olio in modo da poter gustare a pieno queste pietanze senza doversi preoccupare delle conseguenze.
Vediamo, nello specifico, come questo sia possibile.

I giusti accessori

Per friggere senza olio ed usufruire di tutti i vantaggi che questo tipo di scelta comporta è fondamentale, prima di ogni cosa, utilizzare gli accessori giusti che possano permettere di preparare le pietanze nella maniera corretta.
A questo proposito in commercio esiste un’ampia gamma di soluzioni le quali assicurano dei risultati assolutamente eccezionali.
Il miglior accessorio, però, è senza dubbio la Friggitrice ad Aria Migliore studiate e progettate proprio per andare incontro a questo tipo di esigenza e permettere di preparare qualsiasi tipo di alimento in maniera sana e genuina.
In particolare questi strumenti sono progettati in modo da presentare un cestello rotante, il quale, grazie all’ausilio di un getto di aria calda costante, permette di cuocere qualsiasi pietanza in maniera del tutto uniforme ed ottimale.
In più, oltre che da un punto di vista puramente salutare, anche sotto un profilo legato alle tempistiche, questo tipo di soluzioni presenta innumerevoli vantaggi, in quanto permette di passare molto meno tempo ai fornelli ottenendo comunque dei risultati eccellenti.

Esempi pratici

Dopo aver compreso l’importanza dei giusti accessori per poter friggere senza olio, può risultare di aiuto fare alcuni esempi pratici che dimostrano come, attraverso l’utilizzo di questi strumenti e con un po’ di esperienza, è possibile realizzare le proprie pietanze.
Per questi esempi pratici è bene considerare quelli che sono, meritamente, i cibi fritti più trattati in modo da potersi fare un’idea ben chiara e precisa.
Partiamo ad esempio dalle patatine fritte le quali, in condizioni normali, necessitano di un gran quantitativo di olio. Con questi accessori, invece, basta un solo cucchiaio di olio di oliva per cuocere fino a mezzo kilo di patate in soli 10 minuti.
Lo stesso discorso vale per altre pietanze come i crocché di patate, mentre per alimenti come il filetto di baccalà è sufficiente un cucchiaio e soli 15 minuti di tempo.

Ciambellone integrale allo yogurt, con il forno Versilia

Il ciambellone integrale allo yogurt, cotto nel forno Versilia, è un dolce soffice, gustoso e particolarmente facile da cucinare.
Infatti la ricetta, per elaborarlo, prevede semplicemente di unire in un contenitore della farina integrale e della farina bianca di grano tenero, dello zucchero, dello yogurt bianco intero, alcune uova, una bustina di lievito per dolci e dell‘aroma di vaniglia.
Quindi il composto ottenuto viene trasferito ed è cotto in un forno Versilia.
Una volta pronto, il ciambellone integrale allo yogurt va lasciato raffreddare completamente.
Dopodichè è sistemato su un piatto da portata e, in base ai propri gusti personali, o alla disponibilità del momento, viene guarnito con dello zucchero a velo.
Naturalmente, come è facile intuire dalla descrizione fatta fino ad ora, questo dolce va servito a temperatura ambiente e, scendendo nel dettaglio, è indicato ad essere consumato in ambito familiare, a colazione o a merenda, accompagnandolo con una tazza di latte, con una di caffè, o con una di tè.
Tuttavia si rivela adatto anche ad essere inserito nel menù di un brunch, o ad essere offerto ad amici e conoscenti in occasione di una visita di cortesia.
Detto ciò e prima di procedere oltre, mi preme spendere alcune parole riguardo il forno Versilia, ovvero l’utensile che è stato nominato prima e che nella ricetta, di cui ci stiamo occupando, viene impiegato nella fase di cottura.
In particolare questo è una pentola di alluminio a forma di ciambella, provvista di coperchio e di spargifiamma, e viene utilizzato per cuocere le pietanze, poste al suo interno, sfruttando il calore di una fiamma sottostante.
Tale attrezzo nasce con l’intento di rimediare un forno alle massaie, che in vacanza hanno a disposizione solo un fornelletto da campeggio.
Per cui, all‘occorrenza, è adoperato in sostituzione dell’elettrodomestico tradizionale, per realizzare tutti quei piatti, sia dolci che salati, che prevederebbero l’impiego di quest’ultimo e che possono avere una forma circolare con un buco in centro.
Chiarito ciò, è implicito che il forno Versilia possa essere utilizzato anche in una cucina perfettamente attrezzata, come nel caso della preparazione illustrata di seguito.
Anzi, pur avendo a disposizione i normali elettrodomestici, nei casi menzionati il suo impiego risulta preferibile.
Infatti, sfruttando il calore del fornello di una comune cucina a gas, consente di risparmiare sui consumi e, pur non possedendo un impianto di climatizzazione, permette di realizzare anche in Estate quelle pietanze, che devono essere cotte in forno.
La spiegazione di quanto appena affermato risiede nel fatto che il dispendio energetico ed il calore rilasciato, durante la cottura, sono nettamente inferiori, rispetto a quelli che si verificherebbero normalmente.
Il risultato, invece, è assolutamente lo stesso.

Ingredienti per 8 persone:
275 g di farina integrale di grano tenero
200 g di zucchero semolato
190 g di yogurt bianco intero, non zuccherato
50 g di farina 00
3 uova grandi
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina

Ingredienti per la cottura:
1 cucchiaio di olio di semi
1 cucchiaio di farina 00

Ingredienti per la guarnizione:
Zucchero a velo vanigliato (facoltativo)

Preparazione
Miscelate in una ciotola le due farine, il lievito e la vanillina.
Quindi prendete un contenitore capiente.
Al suo interno aprite le uova e, servendovi di uno sbattitore elettrico, unite loro prima lo zucchero ed in seguito lo yogurt.
Terminate tali operazioni, continuando ad utilizzare la frusta elettrica, incorporate agli ingredienti, che avete appena lavorato, anche la miscela di polveri, che avete realizzato poc’anzi.
Dopodichè prendete un forno Versilia, che abbia un diametro di 24 cm.
Spennellate l’interno del recipiente con un cucchiaio di olio di semi, infarinatelo, versatevi il composto approntato e livellatelo.
Quindi sistemate lo spargifiamma sul fornello medio della vostra cucina.
Ponetevi sopra il forno Versilia, completo di coperchio, e accendete la fiamma a volume medio.
Dopo 5 minuti regolate il fuoco al minimo e proseguite con la cottura per circa 45 minuti, fino a quando inserendo nella ciambella uno spiedino di legno, il segmento introdotto ne uscirà perfettamente asciutto.
A questo punto spegnete il fuoco.
Fate intiepidire il dolce nel recipiente di cottura, lasciandolo coperto.
Dopodichè sformatelo, capovolgendolo su una gratella.
Riportatene la parte convessa verso l‘alto e lasciatelo raffreddare completamente.
Quindi trasferitelo su un piatto da portata e, se lo gradite, spolverizzatelo con dello zucchero a velo.

Voilà, il ciambellone integrale allo yogurt, cotto nel forno Versilia, è pronto! Provate a cucinarlo anche voi: seguite con precisione le indicazioni, che vi ho fornito, ma non dimenticate di aggiungere un pizzico di passione!

Avvertenze
Così come quando si adopera un forno tradizionale, anche in questo caso i tempi di cottura potrebbero variare sensibilmente.
Infatti i fornelli delle cucine a gas, pur avendo lo stesso diametro, possono avere volumi di fiamma differenti.
In questo senso, appena saranno trascorsi 40 minuti, è consigliabile fare già la prova dello spiedino ed eventualmente proseguire con le verifiche ogni 5-10 minuti.

Suggerimenti
Prima di accendere lo sbattitore, per unire i vari ingredienti, date loro qualche girata con le fruste dell’elettrodomestico spento.
Inoltre, almeno inizialmente, azionate quest’ultimo a bassa velocità.
Infatti, così facendo, eviterete che i diversi elementi vengano sbalzati fuori dal contenitore, per effetto della forza centrifuga esercitata dalle fruste.

Servizio e consumo
Come è stato spiegato prima, il ciambellone integrale allo yogurt va servito a temperatura ambiente.
In particolare è indicato ad essere consumato in ambito familiare, a colazione o a merenda, accompagnandolo con una tazza di latte, con una di caffè, o con una di tè.
Tuttavia si rivela adatto anche ad essere inserito nel menù di un brunch, o ad essere offerto ad amici e conoscenti in occasione di una visita di cortesia.

Conservazione
Se non lo terminate subito, potrete coprire il ciambellone integrale allo yogurt con una campana.
Quindi potrete lasciarlo a temperatura ambiente e in questo modo si manterrà per 2-3 giorni.
Tuttavia, se pensate di non consumarlo entro tale periodo, sarà meglio riporlo in un contenitore a chiusura ermetica e conservarlo in freezer.
Infatti, così facendo, rimarrà inalterato per circa 1 mese, ma sul recipiente sarà opportuno apporre una targhetta, che ne riporti la data di confezionamento.
Inoltre, al momento di servirlo, dovrete scongelarlo, lasciandolo per alcune ore a temperatura ambiente.